Luigi Ballarin - Biografia

 

Biografia

"Luigi Ballarin" U

Il mondo s'addormenta in una calda luce di giacinto e d'oro, così cantava Franco Battiato in una sua celebre canzone e, così, Luigi Ballarin descrive su tela un mondo che crediamo di conoscere ma che, in realtà, conosciamo solo attraverso i media, o meglio, conosciamo quello che i media ci hanno fatto vedere: l’Islam e il medio-oriente.
Questa realtà tanto amata ed estimata dall’artista, si palesa nella sue opere in un mantra costante. Lunge dal farsi portatore di idee socio-politiche, si limita a farci da cicerone nel viaggio che ci induce a intraprendere, descrivendoci i colori e i costumi di un luogo frutto di un assemblaggio di ricordi e sensazioni assaporate e penetrate nel suo essere.
Gli scenari cambiano e i soggetti, spesso figurativi, prendono corpo in vere e proprie spatolate di colori, reali cumuli di pasta a olio, che ne suggeriscono la corporeità dei soggetti.
In altri quadri, Luigi Ballarin, rimane leggero e impalpabile, veli di cipria, cadono in forma di babbucce: ci rimanda all’idea di quello che vediamo, ci propone la sintesi del tutto per lasciare a noi la facoltà dell’interpretazione, dell’immedesimazione.
In entrambi i casi, i lavori di grande impatto , ci insegnano l’osservazione esule dal pregiudizio che in una danza di colori ci entrano nell’anima.

                                                              Giacomo Momo Gallina

 

Pag 2  "I colori D'Oriente" >>

 

Design &  ©Copyright 2008: Design Juice Studio - Roma -